Astro del Ciel     

(Stille Nacht, scritta da Joseph Mohr nel 1816
e musicata da Franz Xaver)


Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu che i Vati da lungi sognar, tu che angeliche voci nunziar,
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu di stirpe regale decor, Tu virgineo, mistico fior,
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!
Luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!
Tu disceso a scontare l'error, Tu sol nato a parlare d'amor,
luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!
Luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

  BIANCO NATALE

Quel lieve tuo candor, neve,
discende lieto nel mio cuor.
Nella notte santa il cuor esulta
d'amor, è Natale ancor.

E viene giù dal ciel lento,
un dolce canto ammaliator
che ti dice "Spera anche tu."
È Natale, non soffrire più.

Oh...oh oh oh oh

E viene giù dal ciel lento,
un dolce canto ammaliator
che ti dice "Spera anche tu."
È Natale, non soffrire più.
   

Tu scendi dalle stelle   

(scritta a Nola nel 1755 da Alfonso Maria de’ Liguori)

T
u scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e vieni in una grotta al freddo e al gelo. (2 v.)
O Bambino mio divino, io ti vedo qui a tremar;
o Dio beato ! Ah, quanto ti costò l'avermi amato. (2 v.)

A te, che sei del mondo il Creatore,
mancano panni e fuoco, o mio Signore (2 v.)
Caro eletto pargoletto, quanto questa povertà
più m'innamora, giacché ti fece amor povero ancora. (2 v.)

Tu lasci il bel gioir del divin seno,
per giunger a penar su questo fieno. (2 v.)
Dolce amore del mio core, dove amore ti trasportò?
O Gesù mio, perché tanto patir? per amor mio! (2 v.)

Ma se fu tuo voler il tuo patire,
perché vuoi pianger poi, perché vagire? (2 v.)
mio Gesù, t'intendo sì ! Ah, mio Signore!
Tu piangi non per duol, ma per amore. (2 v.)


Tu piangi per vederti da me ingrato
dopo sì grande amor, sì poco amato! (2 v)
O diletto - del mio petto, Se già un tempo fu così,
or te sol bramo Caro non pianger più, ch'io t'amo e t'amo (2 v.)

Tu dormi, Ninno mio, ma intanto il core
non dorme, no ma veglia a tutte l'ore (2 v)
Deh, mio bello e puro Agnello a che pensi? dimmi tu.
O amore immenso, un dì morir per te, rispondi, io penso. (2 v.)

Dunque a morire per me, tu pensi, o Dio
ed altro, fuor di te, amar poss'io? (2 v)
O Maria. speranza mia, se poc'amo il tuo Gesù,
non ti sdegnare amalo tu per me, s'io non so amare!

 

Valzer delle candele    

(Auld Lang Syne)

Domani tu mi lascerai
e più non tornerai,
domani tutti i sogni miei
li porterai con te.

La fiamma del tuo amor
che sol per me sognai invan
è luce di candela che
già si spegne piano pian.

La fiamma del tuo amor
che sol per me sognai invan
è luce di candela che
già si spegne piano pian.

Una parola ancor
e dopo svanirà
un breve istante di
felicità.

Ma come è triste il cuor
se nel pensare a te
ricorda i baci tuoi
che non son più per me.

Domani tu mi lascerai
e più non tornerai,
domani tutti i sogni miei
li porterai con te.

La fiamma del tuo amor
che sol per me sognai invan
è luce di candela che
già si spegne piano pian.

   

VENITE FEDELI     (Adeste Fideles)

« Venite, fedeli, l'angelo ci invita,
venite, venite a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.
Venite adoriamo (ter)
il Signore Gesù.
 
La luce del mondo brilla in una grotta:
la fede ci guida a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.
Venite adoriamo (ter)
il Signore Gesù.

La notte risplende, tutto il mondo attende:
seguiamo i pastori a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.
Venite adoriamo (ter)
il Signore Gesù.

Il Figlio di Dio, Re dell’universo,
si è fatto bambino a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.
Venite adoriamo (ter)
il Signore Gesù.

«Sia gloria nei cieli, pace sulla terra»
un angelo annuncia a Betlemme.
Nasce per noi Cristo Salvatore.
Venite adoriamo (ter)
il Signore Gesù. »

 

LEGGENDA DI NATALE   (Fabrizio De Andrè)

Parlavi alla luna giocavi coi fiori
avevi l'età che non porta dolori
e il vento era un mago, la rugiada una dea,
nel bosco incantato di ogni tua idea
nel bosco incantato di ogni tua idea
E venne l'inverno che uccide il colore
e un babbo Natale che parlava d'amore
e d'oro e d'argento splendevano i doni
ma gli occhi erano freddi e non erano buoni
ma gli occhi eran freddi e non erano buoni
Coprì le tue spalle d'argento e di lana
di perle e smeraldi intrecciò una collana
e mentre incantata lo stavi a guardare
dai piedi ai capelli ti volle baciare
dai piedi ai capelli ti volle baciare
E adesso che gli altri ti chiamano dea
l'incanto è svanito da ogni tua idea
ma ancora alla luna vorresti narrare
la storia d'un fiore appassito a Natale
la storia d'un fiore appassito a Natale
Sopra le tombe d'altri mondi
nascono fiori che non so
Ma fra i capelli d'altri amori
muoiono fiori che non ho

   

E' NATALE - MA IO NON CI STO DENTRO (ART. 31)

...caro babbo natale non ci sentiamo da parecchio, comunque è lo stesso, adesso prestami orecchio
ho una richiesta e se ti resta tempo senti, anche perchè mi devi ancora un Big Jim e una pianola
Bontempi, non ho risentimenti ma tuo creditore resto, dunque ho un pretesto per richiederti un gesto
il palinsesto di radio e tv a natale dirigilo tu e fai qualcosa di speciale e non il solito mix dei
puffi e di asterix, con la cantilena di Cristina D'Avena, ridammi Furia e amico Fidenco uccidi i puffi!
..voglio vedere un incontro di box tra Tyson e Bossi!..voglio che i personaggi di Beverly Hills abbiano
tutti bisogno del Clerasil...voglio vedere la Cuccarini con un mini bikini bere un Martini
sentendo "Tocca qui" cantata da Masini....

...perchè è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...

...sono già due mesi che sento odore di mandarino e di aghi di pino e ne ho la nausea, pubblicità
del panettone senza pausa, assediato da nevicate di mandorlato! ...in cucina mia madre è chiusa
già da un mese, poverina si sbatte di brutto lavora come un somaro albanese, ha fatto tra l'altro
anche otto chili d'arrosto, nel migliore dei casi mi trovo a mangiare gli avanzi fino ad Agosto,
mi sento indisposto, sarà perchè ho mangiato caramelle sottocosto, piuttosto faccio posto nello
stomaco a un bicchiere di Pinot, mentre lo bevo mi atteggio come il tipo dello spot. C'è Love Boat in televisione, dannazione, adesso posso dire addio alla mia digestione, cambio canale fatale
appare il telegiornale che, fra una guerra e l'altra, mi fa gli auguri di natale!

è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...

...babbo natale da me non è mai venuto, forse perchè il camino in casa non ce l'ho mai avuto,
forse non riesce ad atterrare sui tetti perchè ci sono troppe antenne, forse gli han chiesto
il superbollo sulle renne, forse ha paura di qualche scippo, magari è afflitto perchè lo
scambiano per il Gabibbo, ma per me è da qualche parte in equatore che se la vive da nababbo coi
diritti d'autore! ...suona il campanello è arrivato il prete a benedire, passa ogni stanza bagna
le pareti d'acqua santa, guarda me, che sono sveglio da poco, e dice che per gli esorcismi passa
dopo! Lo congedo con flemma, mi viene in mente il dilemma se il natale che viviamo è cristiano o
pagano o come quello americano con le letterine dei bambini, ma non a babbo natale, ma ai grandi
magazzini!

è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...
è natale, è natale, è natale, ma io non ci sto dentro...

 

 


 

 

Mo' vene Natale    (Renato Carosone)

Mo' vene Natale nun tengo denare
me leggio `o giurnale e me vaco a cucca'. (2v)

Mamma, mamma e damme n'a mano
ca doppo dimane fernesce `a semmana
e nun saccio che fa e nun saccio che fa.

Mo' vene Natale nun tengo denare
me leggio `o giurnale e me vaco a cucca'. (3v)

 

 

 

 

BUON NATALE   -   (Renato Zero)

E arriverà Natale,
Anche quest’anno arriverà
Natale per chi resta, per chi va
Natale da una lira
Natale ricco o no
Bambini per un giorno, per un po’
Vorrei che il tuo Natale
Risplendesse dentro te,
Che soffri e stare Al mondo sai cos’è
Per te che non hai storie
Da raccontare ormai…
Le fate son drogate
Malati i sogni tuoi
Vorrei dire buon Natale
E dividerlo con te
Con te che hai perso la speranza
E hai paura come me
Un tempo non lontano…
I doni appesi tutto intorno al camino,
Nessuno violentava,
Quel sogno che per mano ti portava
Giocavi allo sceriffo…
E per te un buono non era un fesso
E il bersaglio era finto…
Non era un uomo steso sul cemento
E non c’erano i brutti…
Quel giorno li erano d’accordo tutti…
Sia chi ha gli occhi lunghi,
La pelle nera o i capelli biondi
Natale da una lira…
Natale ricco o no…
Bambini per un giorno…per un po’
Perché non fosse una parola il bene…
Perché ogni bomba diventasse pane…
Io vorrei che almeno un giorno…
Quella cometa facesse ritorno!
E un campo di battaglia desse grano
Per quella morte con la falce in mano…
E al ventre di una donna, il suo bambino…
E breve o lungo ad ognuno il suo destino
Vorrei dire buon Natale…
Finché c’è chi ascolterà
Finché si farà l’amore…
Finché un uomo pregherà

 


 

NATALE    (Francesco De Gregori )

C'è la luna sui tetti c'è la notte per strada
e le ragazze ritornano in tram
ci scommetto che nevica, tra due giorni è Natale
ci scommetto dal freddo che fa.

E da dietro la porta sento uno che sale
ma si ferma due piani più giù
è un peccato davvero ma io già lo sapevo
che comunque non potevi esser tu.

E tu scrivimi, scrivimi
se ti viene la voglia
e raccontami quello che fai
se cammini nel mattino e ti addormenti di sera
e se dormi, che dormi e che sogni che fai.

E tu scrivimi, scrivimi per il bene che conti
per i conti che non tornano mai
se ti scappa un sorriso e ti si ferma sul viso
quell'allegra tristezza che ci hai.

Qui la gente va veloce ed il tempo corre piano
come un treno dentro una galleria
tra due giorni è Natale e non va bene e non va male
buonanotte, torna presto e così sia.

E tu scrivimi, scrivimi
se ti torna la voglia
e raccontami quello che fai
se cammini nel mattino e ti addormenti di sera
e se dormi, che dormi e che sogni che fai.


   
NINNA NANNA A GESU’ BAMBINO

Che magnifica notte di stelle
t'irradia il cammino!
quale pace divina e solenne
hai prescelto, o Bambino!
Implorato per secoli eterni
con lungo dolore,
a redimere scendi i mortali
divin Redentore!

Ninna nanna! Ninna nanna!
Oh! riposa nel queto dormir,
Bambinello venuto a soffrir!
Ninna nanna! Ninna nanna!
Oh celeste Bambino, al tuo amor
tutto avvampa il mio cor.

Nel lontano mistero
già amavi, o Signore,
questa fragile creta superba
impastata d'errore:
or cogli Angeli anch'io nel Presepe
T'adoro, o Messia,
ed offrire Ti vò la purezza
dell'anima mia. :

Ninna nanna! Ninna nanna!
Oh! riposa nel queto dormir,
Bambinello venuto a soffrir!
Ninna nanna! Ninna nanna!
Oh celeste Bambino, al tuo amor
tutto avvampa il mio cor
 

NOTTE DI NATALE    (Claudio Baglioni)

Quanto e' tardi e qui a casa mia
lei non chiama piu'
e' un Natale da buttare via
lei non viene piu'
guardo il telefono e penso a lei
vetri appannati son gli occhi miei
quante neve sta venendo giu'
chi la fermera'...
la candela e' ancora accesa
presto si consumera'...
Dio tu stai nascendo e muoio io
tu che faresti al posto mio
ora che perdo pure lei
ho dato un calcio ai sogni miei
Dio ma che Natale e' questo mio
campane a festa anche per me
se tu mi senti ma perche'
non fai tornare chi non c'e' piu
quanta neve sta venendo giu'
piangera' con me...

 


ECCO NATALE

Ecco Natale,
con neve e gelo:
ma nel bianco cielo
è un immenso splendor.

Un coro d'angeli,
pieno di giubilo
sveglia nel cuor nostro
un linguaggio d'amor

   
IN NOTTE PLACIDA

In notte placida, pel muto sentier,
dai campi dei cieli scese l'Amor,
all'alme fedeli il Redentor.
Nell'aura è il palpito di un grande mister
nel nuovo Israel è nato il Signor,
il fiore più bello dei nostri cuor!

Cantate, popoli, gloria all'Altissimo:
l'animo aprite a speranze d'amor! (2v.)
Se l'aura è gelida, se tenebr'è il ciel,
deh, viene al mio cuor, deh, viene a posar,
ti vo' col mio amore riscaldar.
Se il fieno è rigido, se il vento è crudel
un cuore che t'ama qui puoi trovar,
un'alma che brama te riscaldar.

Cantate, popoli...
Un coro d'angeli discesi dal ciel
accende la notte di luci d'or,
facendo corona al Redentor
Ed un arcangelo dischiude il mister,
annunzia ai pastori: "Nato è il Signor,
l'atteso Messia, il Salvator".
Cantate, popoli...
Portate agli umili in ogni città
la lieta novella per ogni cuor
che vive in attesa del Signor:
portate al povero, che tanto soffrì,
l'annunzio di un mondo di carità
che spunta radioso nel santo dì.

Cantate, popoli...
  DI NOTTE A MEZZANOTTE

Di notte a mezzanotte
è nato un bel Bambino,
di notte a mezzanotte
è nato Gesù.

Sul fieno e sulla paglia
e niente di più,
sul fieno e sulla paglia
è nato Gesù.
La ninna nanna mio caro Bambino,
la ninna nanna ti voglio cantar;
La ninna nanna mio caro Bambino,
la ninna nanna ti voglio suonar.
E vennero i pastori
ad adorare il Bambino,
e vennero i pastori
ad adorare Gesù.

E vennero i Re Magi
ad adorare il Bambino,
e vennero i Re Magi
ad adorare Gesù.

Andiamo anche noi
ad adorare il Bambino,
andiamo anche noi
ad adorare Gesù.

O ALBERO

S'accendono e brillano
gli alberi di Natale.
S'accendono e radunano
grandi e piccini intorno.
I rami si trasformano
con bacche rosse e fili d'or.
risplendono e sfavillano
gli alberi di Natale.

Fra i canti degli arcangeli
ritorna il bambinello,
riposa nel presepio e
lo scalda l'asinello.
I rami verdi toccano
la capannina di carton
e l'albero illumina
la culla del Signore.

S'innalzano, risuonano
i canti di Natale,
ricordano agli uomini:
giustizia, pace e amore.
La loro dolce musica
giunge fra tutti i popoli.
Ripete ancor agli uomini:
giustizia, pace, amore.
  Di notte a mezzanotte

Innalzate nei cieli lo sguardo:
 la salvezza di Dio è vicina.
 Risvegliate nel cuore l'attesa,
 per accogliere il Re della gloria.

Vieni, Gesù, deh vieni,
 discendi dal cielo.
 Sorgerà dalla Casa di David,
 il Messia da tutti invocato,
 prenderà da una vergine il corpo,
 per potenza di Spirito Santo.

Benedetta sei tu, o Maria,
 che rispondi all'attesa del mondo:
 come aurora splendente di grazia,
 porti al mondo il sole divino.

Vieni, o Re, discendi dal cielo:
 porta al mondo il sorriso di Dio;
 nessun uomo ha visto il suo volto,
 solo tu puoi svelarci il mistero.
   
Din Don Dan

Scende giù dal ciel
 su tutta la città
 un candido mantel
 che la ricoprirà.
 La stella annuncerà
 che è nato un Bambinel
 nella vecchia stalla
 con la mucca e l'asinel.
 Din don dan din don dan
 din don din don dan
 Il Natale cambierà
 tutti buoni renderà.
 Din don dan din don dan
 che felicità!
 Oggi è nato il buon Gesù
 con la neve che vien giù.
 La renna al Polo Nord
 scampanellando va
 e strenne porterà
 a tutti i bimbi buoni
 e dalle Alpi al mar
 i bimbi di quaggiù
 aspettano quei doni
 che regala il buon Gesù.
 Din don dan din don dan
 din don din don dan
 Il Natale cambierà
 tutti buoni renderà.
 Din don dan din don dan
 che felicità!
 Oggi è nato il buon Gesù
 con la neve che vien giù.
 

Arriva il Natale

Arriva il Natale
la festa speciale
speciale davvero
per il mondo intero.

Per tutti i bambini:
italiani, francesi o abissini
e noi che siamo così piccini,
non chiederemo dei regalini,
ma solo la pace per tutti i bambini.


 Buon Natale all'italiana  (Mario Riva, Giovannini)

È Natale e vola un angioletto rubicondo
portando l'Alleluia a tutto il mondo,
è Natale e nel silenzio della notte lieta,
s'accende su nel cielo una cometa.

Buon Natale, Buon Natale all'italiana,
nella neve, quante briciole di sole,
fuori è freddo, ma nel cuor,
trepida un calor, un calor di bontà, d'amor.

Buon Natale, Buon Natale all'italiana,
c'è nell'aria il buon profumo dell'abete,
sul presepio di carton, nevica coton.
Din don dan, din don dan, din don!

Buon Natale, Buon Natale all'italiana,
nella neve, quante briciole di sole,
fuori è freddo, ma nel cuor,
trepida un calor, un calor di bontà, d'amor.

Buon Natale, Buon Natale all'italiana,
le campane si rincorrono a distesa,
pace in Terra per chi ha buona volontà.
Din don dan, din don dan, din don dan!

Buon Natale a Te!

   
U Santu Natali   (Alampi – Ferrò)

Tri grandi re un tempu partiru,
seguendu a stella u Messia truvaru
intra ‘na stadda supra un pagghiaru,
cu li so’ doni iru e u lodaru.

C’era Giuseppi e Maria di latu,
arretu n’asinu e un boi cu so’ sciatu
chi boni boni cu istintu d’amuri
iddi nci davunu u so’ caluri.

 I chidda notti celestiali
 veni ogni annu u Santu Natali
 tutta la genti chi ghia e vinia
 tutti lodavunu u nostru Messia.

Tanti pasturi attornu attornu
finu c’a notti non fici jornu,
tutti cantavunu cu’ gioia e amuri,
tutti cantavunu lodi o’ Signuri.

I chidda notti celestiali
veni ogni annu u Santu Natali,
u festeggiamu cu’ paci e amuri
comu lu voli nostru Signuri.
  Sulla montagna

Coro: Là, là sulla montagna sulle colline vai ad annunziar
Che il Signore è nato, è nato è nato per noi.

Pastori che restate sui monti a vigilar
La luce voi vedete la stella di Gesù

Coro: Là, là sulla montagna sulle colline vai ad annunziar
Che il Signore è nato, è nato è nato per noi.

Se il nostro canto è immenso pastore non tremar
Noi angeli cantiamo è nato il Salvator

Coro: Là, là sulla montagna sulle colline vai ad annunziar
Che il Signore è nato, è nato è nato per noi.

In una mangiatoia un bimbo aspetterà
Che l’uomo ancor ritrovi la strada dell’amor

Coro: Là, là sulla montagna sulle colline vai ad annunziar
Che il Signore è nato, è nato è nato per noi.
È nato, nato il Salvator.

  


 Dalmine, novembre 2009   -   fac/