PRESÉPIO DE NEDÀL

Per vìga ‘n del cör la memoria
Restàda issé ciara ‘n del mònd
Esèmpe de töta la storia
Segnada per nòter ü dé

Estit sö de carta o de gèss
Presepio re nàsset adèss.
In cà, in di pracc o ‘nde strada
Ognü a l’ te créa e l’ te brama.

De frèssa mà grande e pissène
Ergòta i prepara a ‘l Bambì.
Nedàl…che magéa chel nì!
Epör in di bràss islargàcc

De spèss a m’istànta a maciàss.
Amùr l’è parola d’ü dé.
L’è mèi che m’impàre a ulìs bé.

         (Carmen Fumagalli Guariglia)
  PRESEPIO DI NATALE

Avere nel cuore la memoria
Rimasta così chiara nel mondo
Esempio di tutta la storia
Per noi tracciata un giorno

Vestiti di carta o di gesso
Il Presepio rinasce ancora.
In casa, nei prati o per la strada
Ogni persona ti crea e ti brama.

Di fretta, ma grande o piccolo
Qualcosa si prepara per il bambino.
Natale!...che magia quella stalla!
Eppure nelle braccia allargate

Molto spesso aspettiamo a rifugiarci.
Amore è la parola di un giorno.
Meglio imparare a volersi bene.

 LA NÒCC DE NEDÀL

Nòcc de Nedàl. In d’öna póvra stala
a l’ nass ol Rè del mónd,
che l’ vé pogiàt, con gran delicatèssa
e santa tenerèssa,
sura ‘mponì de fé, ‘n d’öna treìs.
A l’ piàns ol Rè del mónd: fòrse l’ gh’à frècc.
Fòrse l’è póch ol fiàt del póer asnì
insèm con chèl del bö,
e ‘l panisèl l’è strécc.
A l’ piàns ol Rè del mónd e la Madóna
a la ghe dis di paroline dóre
che dóma öna gran Mama la pöl dì
e la ghe canta öna cansù d’amùr
con di nòte  armoniose
che i se confónd con chèle di angelì.

Nòcc de Nedàl! A l’è nassìt ol Rè.
I campane di cése i suna a fèsta
e töte quante insèma,
come ü córo che l’ vé del Paradìs;
bèl ciàr e nèt i dis:
“O póvra zét de chèsta póvra tèra,
scolté l’insegnamènt
che l’ vé fò de la stala de Betlèm:
sì töcc fradèi e, dóca, vülìv bé!
La véra pas del cör
a l’è ‘l dóno piö bèl e l’è ‘l piö grand!
O biànc o róss o nìgher,
o sciòr o poarècc de töte i rasse,
adèss a l’è ‘l momènt
de piantàla del töt de fà di guère.
Sì töcc fradèi e, dóca, vülìv bé!
La véra pas del cör
a l’è ‘l dóno piö bèl e l’è ‘l piö grand!”

  LA NOTTE DI NATALE.

Notte di Natale. In una povera stalla
nasce il Re delll’universo
e viene appoggiato, con gran delicatezza
e santa tenerezza
sopra un poco di fieno, in una mangiatoia.
Piange il Re dell’universo: forse a freddo.
Forse è poco il fiato del povero asinello
insieme a quello del bue,
e il pannicello è stretto.
Piange il Re dell’universo e la Madonna
gli rivolge appellativi leggiadri
che solo una grande mamma può proferire,
e gli canta un canto amoroso
con note armoniose che si
confondono con quelle degli angioletti.

Notte di Natale! E’ Nato il Re.
Le campane delle chiese suonano a festa
e tutte quante insieme,
come un coro che giunge dal Paradiso;
dicono in modo chiaro e netto:
“ O povere genti di questa povera terra,
ascoltate l’insegnamento
che proviene dalla stalla di Betlemme:
siete tutti fratelli e, dunque, vogliatevi bene!
La vera pace del cuore
è il dono più bello ed è il più grande!
Bianchi o rossi o neri,
ricchi o poveri di tutte le razze,
adesso è giunto il momento
di smetterla del tutto di fare delle guerre.
Siete tutti fratelli e, dunque, vogliatevi bene!
La vera pace del cuore
è il dono più bello ed è il più grande!”.

  
GESÙ BAMBÌ

Bambì, Te sé ‘l padrù del paradìs,
e ‘ncö, che a’ i làder i è ‘n presù al coldì,
i te fà nass amò ‘n d’öna treìs,
al cóld del fiàt d’ü bö e d’ü póer asnì.

  GESÙ BAMBINO

Bambino, Tu sei il padrone del Paradiso,
e oggi, che anche i ladri sono in prigione al caldo,
ti fanno nascere ancora in una mangiatoia,
al caldo del fiato di un bue e di un povero asinello

  
 NÒCC DE NEDÀL     (G.Gambirasio)

Nòcc de Nedàl. Betlemme l’è ü candùr
de niv. Migliù de stèle i varda ‘n bas:
‘n d’öna stala s’ dirèss ch’i se compiàs
de concentrà töt quant ol sò ciarùr.

E töt ol ünivèrso l’ghe fà unùr
a chèl pìcol Scetì che ‘n tèra l’nas,
e l’vé tra i òm a riportà la pas,
per l’ùrden misteriùs del Creatùr.

Pìcol lümi, prensépe d’ü splendùr
che töt ol mond a l’ gh’ìa d’ ilüminà,
se alura no i t’ à vést che quach pastùr,
dopo inte sècoi l’ è l’umanità

che adess la turna a Té, con fede e amùr,
o Punto Fermo ‘n de l’ Eternità!

   NOTTE DI NATALE

Notte di Natale. Betlemme è un candore
di neve. Miglioni di stelle guardano verso il basso:
in  una stalla e si direbbe che si compiacciono
di concentrare tutta la loro luce.

Tutto l’universo rende onore
a quel piccolo bambino che nasce sulla terra,
e viene tra gli uomini a riportare la pace,
per un ordine misterioso del Creatore.

Piccola luce, inizio di uno splendore
che illuminerà tutto il mondo,
anche se ti hanno visto che pochi pastori,

dopo venti secoli è l’umanità
che ora torna a Te, con fede e amore,
o Punto fermo nell’Eternità.

  
Ü BÈL BAMBÌ

Pastùr, corì, corì
Gh’è nassìt ü bèl bambì
Biànc e róss e rissulì,
la sò mama la Madóna
la Sant’Ana la sò nóna
ól San Giósep ól so tata,
se te’ ndüinet
te’n dó öna grata!
  UN BEL BAMBINO

Pastori ,correte, correte
E’ nato un bel bambino
Bianco, rosso e ricciolino,
Sua mamma è la Madonna
Sant’Anna è la sua nonna
San Giuseppe è suo padre,
Se indovini chi è
Ti faccio un regalo
  
NEDÀL      (A. Astolfi)

De töte i feste, chela de Nedàl
L’è certo chela che met piö alegrea,
Bambì, pastur, presepe…pastoral….
La s’tira ‘nsema töta la famea,
Po a chei ch’è vià de Bèrghem, de lontà
I fa de töt, ma ‘n chel dé lé i ve a ca.

E pür in mes a töta l’alegréa
Che sta gran festa a töcc la met ados,
Mé proe come öna gran malinconéa
Öna specie de sgrisol in di os….
A me par che ‘l Nedàl al sees piö chel
Che ‘l Nedàl d’öna olta ‘l föss piö bell.

E pense a quando sere picinì
Ai nedai d’öna olta, pie de pas….
La niv volta söi tecc, e i candelì
De giass söi gronde, e quase de bombas
Ol toch toch di campane ‘n del da i ure
Come a schià de fa frecas a lure.

E l’aria fregia e möta…. gris ol cel….
‘Nturen poch o nissü , e, a chei, de fressa
A scapà a cà al coldì, sfregecc del zel,
Contecc de i za sentit la so braa messa
E per chel dè no iga oter defà
Che de tend i fornei, e de mangià.

Bèrghem alura l’me paria piö bel
Coi müre töte bianche, e i so banchete
‘N do’ fae l’amur a me de sbarbatel,
Chele banchete care e benedete
‘N doe töcc i bergamasc prima de mör
O prest o tarde i lassa ‘m po’ de cör.

La me paria xe bela Corsaröla….
L’Mercat di Scarpe, e ‘n sima, Sitadèla;
(söi prede i scecc i faa la slisaröla
e i faa de tat in tat quach gamotele)
Piö inacc i Turegn, la pianura ‘n fond….
töte belesse che gh’n’è miga al mond.

Se l’era bel alura l’Senterù
Cola so bela fila de café
‘N chel dé seracc a lur per diossiù!
Fermacc i tram, s’indaa töcc quancc a pe
N’mess a la niv che la smorsaa i frecass
Che l’sömeàa de nda sura l’ bombass.
‘Ncö Bèrghem sensa döbe l’è piö bel
Ma l’me paria piö bel amö öna olta;
De la so us, l’incant, l’è semper chel
Ma cambiacc an sè noter che m’la scolta….
Cambiacc fina che s’völ, ma mia ‘n del cör
Ché a ed piö l’Senterù me par de mör
  NATALE

Di tutte le festività, quella di Natale
È sicuramente quella più gioiosa;
Bambino, pastori, presepio…pastorale…
Riunisce tutta la famiglia
Anche coloro che sono lontani da Bergamo
Quel giorno fanno di tutto per tornare a casa.

Eppure in mezzo a tanta allegria
Che Natale a  mette adosso a tutti
Io provo una grande malinconia
Una specie di freddo nelle ossa…
Mi sembra che il Natale non sia più quello
Che il Natale di una volta fosse più bello.

Ricordo quand’ero piccolo
I Natali di una volta, pieni di pas…
Con la neve alta sui tetti, e le candele
Di ghiaccio sulle grondaie, e il suono
Ovattato delle campane che scandivano le ore
Come a non volerci disturbare

L’aria fredda e silenziosa… il cielo grigio…
Poca gente per le strade, e quei pochi di fretta
Correre a casa al caldo, infreddoliti dal gelo,
Contenti di aver ascoltato la messa
e per quel giorno di non dover far niente
se non di controllare i fornelli e poi mangiare.

Bergamo allora mi sembrava più bello
Con le mura tutte imbiancate, e le sue panchine
Dove ci si sedeva da ragazzi ad amoreggiare
Quelle banchine care e benedette
Dove tutti i bergamaschi prima di morire
Presto o tardi ci lasciano un po’ di cuore.



NINNA NANNA DE NEDÀL 

Canta, canta bèla fiùra,
L’è nasìt ol nòs’ Signùr:
L’è nasìt in Betelèmme
Tra ‘l bö e l’asinèl.
Gh’ìa gnè fasa, gnè panisèl
Per fasà chèl Bambì bèl;
Gh’ìa gnè fasa, gnè lensöl
Per fasà chèl bèl Fiöl.
Canta canta oselì:
L’è nassìt Gesü Bambì,
L’è nassìt in Betelèmme
Tra ‘l bö e l’asinèl.

  NINNA NANNA DI NATALE

Canta, canta bel fiore
è nato nostro Signore
è nato a Betlemme
tra il bue e l’asinello
Non avevano ne fascia ne pannicello
per fasciare un bimbo così bello
non avevano ne fascia ne lenzuolo
per fasciare quel bel figliolo
Canta, canta uccellino:
è nato Gesu Bambino
è nato a Betlemme
tra il bue e l’asinello.

Dalmine, novembre 2009  -  fac/    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contatore

Visite agli articoli
1432384