Atalanta B.C.

Atalanta in poesia e dialetto

Atalanta  “la  déa” dei Bergamasch

A n’gh’à ‘l celèst di righe ‘mpo piö ciàr de l’Inter,
la bandéra la gh’à póch o negót:
nóma öna Còpa Italia però chèsta màglia la gh’à ergót de diferént.
A cuminsà dal nòm che l’è mia Bergamése ma l’cuminsa e l’fenéss in A
a n’sà che gh’è la B m’à cunussìd la C ma m’lo sà che mè mai molà.

  Atalanta  “la  déa” dei Bergamaschi

Abbiamo il celeste più chiaro dell’Inter
la bandiera ha poco o niente
solo una Coppa Italia, però questa maglia ha qualcosa di diverso.
A cominciare dal nome che non è bergamasco
ma comincia e finisce in A:
sappiamo che c’è la B, abbiamo conosciuto la C
ma sappiamo che non bisogna mai mollare.


  
Berghèm, BERGHÈM, de per töt

A n’gh’à ü stàdio che mé nóno l’è piö zùen,
sö la tèra i ghe mèt zó ol parcuèt.
Però gh’è dét la stória dai camp de sicória a partì dal méla növsènt sèt.
A n’ghà ü vivaio che ol mónd a l’ga l’invìdia
coi pé bù e chi ch’i è dóma tòr
cuando n’pödress ‘ndà ‘n UEFA
a la rìa la sgrafa de la Juve e chi marsù de sciòr.  

 

Bergamo BERGAMO dappertutto

Abbiamo uno stadio che mio nonno è più giovane
sulla terra hanno messo la moquette di erba
Però c’è la storia dei campi di cicoria a iniziare
dal mille novecento sette.
Abbiamo un vivaio che il mondo ci invidia
coi piedi buoni e chi son solo alti e grossi
quando potremmo  andare in UEFA
ecco arrivare i beceri  ricconi della Juve..

   

Berghèm, BERGHÈM, de per töt

E quando scende la sera e a la tèle gh’è i gòi
a la fi de la féra de la Déa fì’ ca fói,
o chi sa desmentéga o dés segóncc istrassécc
l’è tötura ch’i béga coi sò cuàter fighècc
perché a nóter a conti fatti a l’völ vèd pò vergót
e perché a nóter del Tosatti a l’ga na fréga negót   

 

Bergamo, BERGAMO, dappertutto

E quando è sera e alla tèle ci sono i goal
alla fine della fiera della Dea non se ne parla,
o che si dimenticano o dieci secondi stracciati
è una tortura veder  litigare per quattro signorini
perché noi alla fine vogliamo vedere  qualcosa
e perchè a noi del Tosatti non ce ne frega niente

   

 

Poesia sul gioco del calcio. (Umberto Saba)

Goal
Il portiere caduto alla difesa
ultima vana, contro terra cela
la faccia, a non vedere l’amara luce.
Il compagno in ginocchio che l’induce,
con parole e con la mano, a sollevarsi,
scopre pieni di lacrime i suoi occhi.

La folla – unita ebbrezza - par trabocchi
nel campo: intorno al vincitore stanno,
al suo collo si gettano i fratelli.

Pochi momenti come questi belli,
a quanti l’odio consuma e l’amore,
è dato, sotto il cielo, di vedere.

Presso la rete inviolata il portiere
- l’altro - è rimasto. Ma non la sua anima,
con la persona vi è rimasta sola.

La sua gioia si fa una capriola,
si fa baci che manda di lontano.
Della festa – egli dice – anch’io son parte.

 

Poesia per l’Atalanta - (Katy Leporatti- fa.tinaglia)

La DEA in rosa
Una maglia neroazzurra
in mezzo ad altri mille colori
la dove c'era il niente
adesso c'è lei.

La Dea invincibile
che un giorno si fermò
per il frutto che l' eterno nemico
sul suo cammino le lanciò.
Troppo presto fu data per morta,
ancor prima che il sole sorgesse di nuovo
la fanciulla riprese la corsa
e raggiunse il suo trono.

Dalle valli alla pianura
risuona dolce un solo canto
che ci fa gioire ancora
per questa maglia che è il nostro vanto.

Bergamo Alta da lassù vigila e controlla
le strade sotto piene di folla
bandiere al vento in città
per dirti bentornata in serie A

   
 Poesia Atalantina di Federico

 Atalanta squadra madre di talenti
 giocatori valorosi quasi mai perdenti.
 Corron veloci come saette
 Nero azzurre le loro magliette
 Che splendono stelle nel firmamento.

 Atalanta squadra che nel passato fece faville
 Con giocatori che ora fanno scintille
 Stromberg, Canigia ed Evair ci portarono in Uefa
 Con una squadra senza crepa.
 Atalanta una squadra rara,
 mitica in gara!

 

Le parole del coro degli atalantini  sono:
(cantate sulla melodia di "The Sound of Silence")

Siamo sempre insieme a te
non ti lasceremo mai
devi sempre solo vincere
devi sempre solo vincere
dai dea non mollare
x gli ultras x gli ultras
dai vinci x noi