Nessuno degli antagonisti a questo governo è convinto, e spera, che “Lega e il M5s” possano avere un'alleanza stabile che continui per l’intera legislatura. Quasi tutti i principali giornali, Tv italiane, i partiti rimasti all’opposizione e buona parte dei social si sono letteralmente scatenati contro, anche in modo becero, prima ancora di conoscerne le scelte. Una cosa incomprensibile.  Il tutto denota una mancanza di cultura politica e radici importanti, ipotizzando solo un successo frutto dell’insofferenza popolare. Sono contro questo governo, che nasce a seguito del fallimento dei governi precedenti, già dal primo giorno del suo insediamento, nonostante abbia un indice di gradimento superiore al 60%, roba mai vista prima d’ora. 

Rileviamo anche che negli incontri televisivi e vari talk show sono sempre in maggioranza i detrattori sui favorevoli e molto spesso anche i conduttori non sono per niente imparziali (sono schierati contro e si vede). Per avere una qualsiasi alternanza in Italia dobbiamo fare ancora molta strada, soprattutto se rimane fuori dai giochi la sinistra, che ha governato anche con una bassa percentuale di consensi, ma loro sono il pd, la sinistra. Vergognatevi!!!

Un magistrato che indaga sul politico che in Italia ha maggior popolarità e consenso è una scena già vista negli ultimi anni, insultatori beceri, tipo Toscani, sfogano tutta la loro antipatia verso il leader del Carroccio in modo rozzo, lo scrittore Saviano sempre pronto a inserirsi in ogni azione giusta o non giusta anche illegale invece di pensare alle sue malefatte, politici ormai superati, tipo Mario Monti, pontificano con il loro catastrofismo dopo essere stati la causa di questa condizione. Una fetta di economisti del giorno dopo che non hanno saputo prevenire nulla ora prescrivono ricette salvatutto dopo aver procurato con le loro ricette il danno, gente da salotto e troppo ben pagata, buoni forse solo a gestire filiali di banche.

Ridono e gongolano perché sale lo spread, nessuno gli ha mai detto che sono anche loro parte in causa, poiché hanno da poco lasciato il governo e, a detta loro, i movimenti economici non si modificano da un giorno all’altro. Se questi signori continuano a parlar male del governo e dell’Italia, solo per partito preso e in un modo negativo e arrogante, è chiaro come il sole che gli investitori si allontanano, altro che incolpare solo il governo. Da poco sono partite anche offensive di diffamazione, che sono la specialità devastante della sinistra e dei suoi intellettuali.

Che cosa voglio dire; Matteo lascia stare i PM e l’avviso di garanzia che si chiuderà da solo, pensa al tuo lavoro, i nemici sono altri tipo: il PD (ignobile) con i suoi fiancheggiatori inseriti sfacciatamente da Renzi in mille istituzioni, la burocrazia, l’Europa, i soliti poteri forti oltre agli pseudo economisti chiamati a vanvera sulle varie reti TV per esternare contro il governo. Ricordagli anche che da Monti a Gentiloni hanno aumentato il debito pubblico di ca.350 miliardi.
Il compito è comunque arduo ma devi tener duro e rammentare che il 61% degli italiani è con voi a qualunque costo, senza se e senza ma, il passato è ormai sepolto, diamo quindi una sferzata a quest’ Italia che sicuramente non potrà che fargli bene.

Buon lavoro.   -       gianni facoetti