I Ciodaröi-Fabbricatori di chiodi

Celestino Milesi nacque a Fondra nel 1861, studiò a Valnegra, fu perito agrimensore e morì
ad Albano S. Alessandro nel 1942. Le sue composizioni si ispirano prevalentemente a temi
d'ambiente della Val Brembana.
Dedicando a Valtorta una delle sue poesie, ha descritto, in modo scherzoso, il lavoro dei
“ciodaröi” ( fabbricatori di chiodi) di un tempo:

I ciodaröi

Ü dutur che a picà `l sentìa,
a ü ciodaröl al disìa:
“Per göstà delizius trin trin,
per diertis a fa plin plin,
marenghì merès viga,
ma tè te gh'né miga.

Tàch, tàch, tàch,
pelà, spiantà;

tich, tìch, tich, ,
mai te saré rich;

tèch, tèch, tèch,
semper poarèt;


tòch, tòch, tòch,
te saré pitòch;

tùch, tùch, tùch,
strapelà, pitù!”

 

I fabbricatori di chiodi

Un dottore che sentiva a picchiare
così diceva a un fabbricante di chiodi
“Per gustare delizie  trin trin
Per divertirti a fare  plin plin
bisognerebbe avere soldi
ma tu non ce ne hai nesssuno.

Tàch, tàch, tàch,
in bolletta, spiantato

Tìch, tìch, tìch,
non sarai mai ricco;

Tèch, tèch, tèch,
sarai sempre povero;


tòch, toch. toch,
sarai sempre un barbone;

Tùch, tuch, tuch,
spiantato, poveraccio!”

Celestino Milesi    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contatore

Visite agli articoli
1425831