Poesie-Filastrocche-Canzoni

Cüre mèdiche

Mé, se per sórt me sènte ü cuach dulùr,
sto miga a bale: me fó isità.
Ghe paghe pò al dutùr chèl che ghe và,
perchè l’è giöst: l’à de scampà a’ ‘l dutùr.

Pò córe d’ün òm pràtegh del mestér
per fàm fa sö pulito la rissèta.
Ghe dó ach a lü chél tanto che ghe spèta
perché l’è giöst: l’à de scampà a’ ‘l spissiér.

E cuand ó facc fà sö la medesina,
la öde töta cuanta ‘n del bicér,
la laghe lé a sfregì per töt ol dé.

Pò saltàd fò del lècc a la matina,
la öde töta cuanta ‘n del sigér
chè, dòpo töt, l’è giöst che scampe a’ mé.

 


Piéro Astolfi

  Io, se per caso mi sento dei dolori,
non perdo tempo: mi faccio visitare.
Poi pago il dottore per quello che devo,
perché è giusto: anche il dottore deve vivere.

Dopo corro da un uomo pratico del mestiere
per farmi fare per bene la ricetta.
Pago anche lui per quel tanto che gli spetta
perché è giusto: anche il farmacista deve vivere.

E quando ho fatto fare la medicina.
la vuoto tutta quanta in un bicchiere,
la lascio li a  raffreddare per tutto il giorno.

Poi al  mattino quando mi alzo,
la vuoto tutta quanta nel lavandino
perché, dopo tutto, è giusto che viva anch’io.