Storie e Leggende

I dòne dèl cadì

Ü bel dé sic o ses dòne i s'è troade töte 'n ca dèla Marietì. I era rabiùse e 'nviperìde perché i sò òmegn i 'ndàa semper a zögà a boce o a carte, i 'ndàa a spàs o a fa di mangiade, ma lure i a lagàa semper a ca. Alura, tòte decorde, i a decidìt dè fa öna bela festa 'n tra lure dóne.

La Marietì la fàa só i gnòch, chel'otra la fàa sö öna bela schisàda, chel'otra la portàa ü bel fiaschèt dè ì, chel'otra la portàa la fröta.
Issé, àla dömìnica, i avrés facc öna bela mangiada töte 'nsèma.L'e riàt la dömìnica e come al sólet i òmegn i va amò per sò cönt.
Ste dòne vià dè corsa töte 'n ca dèla Marietì per preparà la festa. E 'nfati i prepara la sò bela tàola e i sa met dré a fa cös la sò roba. I òmegn, però, chi balòs, i a maià la fòia e alura i a pensà be dè faga ü schèrs.
Cos'ai facc?
I è 'ndàcc söl camì, i a ciapà öna bela gamba dè legn, i l'a quarciada con d'öna calsa dè sida nìgra e po' i l'a lassàda ‘nda zó adagio, adagio per ol camì.
I dòne töte contete, i s'è sentàde zó a tàola e i fa per tirà fo i gnòch, se non chè dal camì al ria zó öna gamba nìgra che la donda 'n sa e 'n là e i sènt öna us:
“Dòne dòne dèl cadì, töi sö ‘l lömì e 'ndì a dörmì. San Fransèsch al la comanda se ölì crèt ardì sta gamba”.
Din-don la fàa sta gamba!
Alura i dòne, töte stremìde, i è leàde sö 'n pé e i è scapàde: öna la curìa dè ché, öna la curìa dè là e po' i è curìde vèrs la porta e vià dè corsa a scapà....
I òmegn alura, pian pianino, i è egnì zó, i s'è sentàs zó a tàola e i a mangià töcc i gnòch, la turta e 'l vì.
E i a facc pastì e pastù e a noter i a lassàt gnà ü bucù.
 


Le donne della marmitta
Un bel giorno cinque o sei donne si trovarono tutte in casa della Maria.
Erano arrabbiate e inviperite perché i loro uomini andavano sempre a giocare a bocce o a carte, andavano a spasso e a fare delle mangiate, ma loro le lasciavano a casa. Allora, tutte d'accordo decisero di fare una bella festa tra loro. La Maria avrebbe preparato gli gnocchi, un'altra una bella torta, un'altra avrebbe portato un bel fiaschetto di vino, un'altra ancora della frutta. Così la domenica avrebbero fatto una bella mangiata tutte insieme. Arrivata la domenica, come al solito gli uomini andarono per conto loro. E le donne, via di corsa tutte in casa della Maria per preparare la festa. E infatti apparecchiarono la loro bella tavola e si misero a preparare il pranzetto.
Gli uomini, però, quei furbastri, mangiarono la foglia e pensarono di fare uno scherzo alle loro donne. Che cosa escogitarono? Salirono sul tetto della casa, presero una bella gamba di legno, la coprirono con una calza di seta nera e poi la calarono giù, adagio, adagio, nel camino.
Le donne, contente e ignare di tutto, si misero a tavola, fecero per servire gli gnocchi, e in quell'attimo dal camino arrivò giù una gamba nera, che dondolava di qua e di là e sentirono una voce:
"Donne, donne della marmitta, prendete il lume e andate a dormire. San Francesco lo comanda, se volete credere guardate questa gamba.
Din-don faceva questa gamba.
Le donne tutte spaventate si alzarono in piedi: una correva di qua, una correva di là e poi aprirono la porta e via di corsa….
Gli uomini allora scesero in casa, si misero a tavola e mangiarono tutti gli gnocchi, la torta e il vino.
E fecero una gran baldoria, ma per noi non hanno lasciato nemmeno un boccone!


Dalmine 1° nov 1911