Storie e Leggende

Ol Gioanì pigurì

Ol Gioanì e la Teresì i era du fradèi che ü dé i è 'ndàc a troà la sò nona che l'era dè luntà e per rià àla sò ca i gh'era dè passà per ü bosc.

Quando che i è stàcc 'n dèl bosc, ol Gioanì 'l disìa che 'l gh'era sit. Dopo 'n po' i a troàt öna sürtìda e 'l vülìa bif, ma quando 'l s'è sgobà zó a bif l'a sentì öna usina che la ga disìa: "Gioanì, bif mia, perché ta deenteré ü pigurì!".

Ol Gioanì, töt spaentàt, l'a mia biìt.

Dopo 'n po' dè strada, i troa ün'otra sürtìda, ol Gioanì, che 'l crepàa dè sit, 'l völ bif, ma 'l sént amò chela usìna che la ga dis: 'Bif mia, perché ta deenteré ü pigurì!".

Ol Gioanì 'l bif mia.

Quando i è riàcc prope 'n dèl mès al bosc, i troa ün'otra sürtìda, ol Gioanì 'l sént amò la usìna, ma sta ölta 'l la sculta mia e 'l bif tat dè sciopà.

Söbet el deénta ü pigurì.

Gliura 'l s'è metìt dré a piàns dispiràt, ma la sò us l'era öna belàda.

La sorèla Teresì, la sia piö comè fa e la pianzìa po' a lé disperàda, ma ormai l'era trop tarde e gh'era piö nègot dè fa.

Ol Gioanì, ormai pigurì, 'l caminàa dè nacc, ma a forsa dè nda, 'l g'a facc pert la strada. I sera piö 'n do i era. Gira e gira, i è riàcc 'n sima a ü mut, 'n do che gh'era öna bàita. l pensa che 'l sées mei 'ndà dè dét e i g'a passà la nocc.

Ol dé dopo i sta amò lé e po' amò tance dé, 'nfina chi è stacc lé per semper.

Quando l'è deentàda granda, la Teresì l'a s'è facia öna bèla s-ceta, che la cantàa bé, compagn d'öna sirena. La pascolàa ol sò pigurì e la ardàa che 'l ga capitès nègot de mal.

Ü dé l'è passà dè lé di cassadùr dèl re, chi a ést ol pigurì, ma i è stacc tat 'ncantà dèla belèssa dèla sc-eta che 'l gh'è piö egnì 'n cör dè copà ol pigurì.

Quando chi è turnà àla règia, i ga cüntà sö al fiöl dèl re comè l'era bèla chèla s-ceta. Gliura ol principe l'a tölt sö 'l caàl e 'l sò servo e l'è partì per troà chèla s-ceta sö per i mucc.

Gira e gira, 'l sirca dè per töt, e po' ü bel dé l'a sentìt öna bèla cansù. El gh'è 'ndacc dré 'nfina che l'è riàt à la ca dè sta s-ceta.

La Teresì, che l'era al balcù, l'a ést i du òmegn a rià e la s'è spaentàda. L'è curìda a ciamà ol pigurì che l'era fò 'n dèl pràt  a maià l'erba, per fal cor in dè stala a scùndes.

Ol principe, quande l'a ést la s-ceta, l'è restà dè sass, ma ol sò servo l'ga tiràt öna sciopetàda al pigurì e'l l'a ferit 'n d'öna gamba.

La Teresì la s'è metìda dré a piàns disperàda e la usàa: I m'a ferìt ol me Gioanì".

Ol principe, a èdela scé fò di strass, 'l ga domandà: Cosè gh'ét dè piàns tat, l'è po' dóma ü pigurì!".

Gliura la Teresì la gh'a cüntà sö töta la storia.

Ol principe l'a cargà sö töcc dù söl sò caàl e l'è turnà àla règia e lé ol pigurì l'è sta cürà e l'è guarì. Ma nigü i era bù dè fal deentà amò ün òm.

Ol re l'a ciamà ü mago, ol piö brao dè töcc, che con d'ün usèl l'a ciamà töte i strée dèl bosc. Quande chè i è riàde àla règia, öna stréa la gh'era ol müs scundì 'n dü fassöl, perché la fatura la gh’ 'lera facia lé al Gioanì.

Gliura ol mago 'l l'a obligàda a liberà ol Gioanì e 'l ga l'a consegnà sano e salvo àla sò sorèla.

Dopo i a facc ü gran festù 'n dèla règia e 'l principe l'a spusà la Teresì.
 

 

Giovannino agnellino

Giovannino e Teresa, erano due fratelli, un giorno andarono a trovare la nonna che abitava lontano. Per arrivare dovevano attraversare un bosco.

Quando furono nel bosco, trovarono una sorgente e Giovannino, che aveva molta sete, si abbassò per bere, ma sentì una vocina che gli diceva: "Giovannino, non bere, perché l'acqua è stregata e ti trasformeresti in un agnellino!".

Giovannino tutto spaventato non ha bevuto.

Fatto un altro tratto di strada, ecco un'altra sorgente e Giovannino, che moriva dalla sete, voleva bere. Ma sentì ancora la vocina: "Non bere, perché diventerai un agnellino!".

E anche stavolta Giovannino non bevve.

Giunti proprio in mezzo al bosco, ecco ancora una sorgente, ma questa volta Giovannino non ascoltò la vocina e bevve a sazietà.

In un attimo fu trasformato in agnellino!

Così ridotto si mise a piangere, ma dalla sua bocca usciva solo un belato.

Teresina piangeva disperata e cercava di prestare aiuto al fratello, ma senza risultato.


Pieni di tristezza, ripresero il cammino, ma ben presto si smarrirono. Gira e rigira, arrivarono in cima a una montagna dove c'era una baita. Entrarono e vi trascorsero la notte.


Il giorno seguente rimasero ancora lì, e per tanti giorni finché pensarono di rimanere lì per sempre.

Teresina, divenuta grande, si era fatta una bella ragazza e cantava come una sirena. Passava le giornate a far pascolare il suo amato agnellino, badando a che non gli capitasse nulla di male.

Un giorno passarono di lì dei cacciatori del re che videro l'agnellino, essendo rimasti incantati dalla bellezza della ragazza non lo uccisero.

Tornati alla reggia, raccontarono al figlio del re del loro incontro con la splendida fanciulla. Egli, desideroso di conoscerla, prese il cavallo e un servo e via verso la casa di Teresina.

Gira e rigira dappertutto e un bel giorno sente una bella canzone. Il principe segue la voce e arriva alla casa di Teresina.

Quando arrivarono, la ragazza era alla finestra e, tutta spaventata, corse a cercare il fratello che era nel prato a brucare l'erba.


Ma, mentre il principe ammirava la bellezza della fanciulla, il servo sparò una fucilata all'agnello, ferendolo a una zampa.

Allora Teresina si mise a piangere disperata e gridava: "Mi hanno ferito il mio Giovannino.

Il principe, vedendola così fuori di sé, gli domanda come mai piange, dopotutto è solo una pecora.

Allora la Teresina gli racconta tutta la storia.

Il principe, carica entrambi sul suo cavallo e ritorna alla reggia dove è curato e guarisce. Ma nessuno riesce a farlo diventare ancora uomo..

Il re chiama allora il più bravo mago che con un uccellino manda a chiamare tutte le streghe del bosco. Quando sono arrivate una strega nascondeva il volto con un fazzoletto perché era stata lei a fare la fattura al Giovannino.

Il mago allora l’ha obbligata a liberare Giovannino e lo ha consegnato sano e salvo alla sorella.

Per finire, nella reggia si fece una grande festa e... il principe sposò Teresina.

 Dalmine,14 sett 2014 -  fac/