Storie e Leggende

La s-ceta dè Costa di Lüf

A Costa di Lüf 'l gh'era zó öna s-cèta dè sés o sèt agn che l'era malübidiénta. La sò mama i era proàde töte ma l'era come fa ü büs in dè l'acqua, gh'era mia mèzo dè fala öbedì öna ölta. La fàa sèmper ol sò intènto, piö i la comandàa e piö lé la tiràa in sö i spale.

Öna sìra la sò mama, che la 'na püdìa piö dè usà invano, ‘l l'a ciapàda e ‘l l'a cassàda fò dè ca.

La s-cèta l'è stàcia 'n po' fò dè ca a ciamà, po' dopo, vèdèndo che i ga respundìa nisü e i ga dervia mia fò la porta, l'è 'ndàda a dörmì söl fenìl dè la sò stala.

Dè nòcc l'è riàt 'l lüf e 'l l'a maiada.

La matina dopo, la sò mama la 'a dè fò a ciamàla, ma la troa nisü. La gira per töta la cuntràda, la a 'n dè stala e 'n dèl fenìl, ma la s-ceta la gh'è mia. Impó piö tarde öna fómna che l'era stacia in de la àl per acqua, la rìa fò dè corsa e la ga dìs a sta mama: “Örès mia sbagliàm, ma ardì che la òsta s-ceta la gh'à dè èss istacia maiàda dal lüf, perché in dè la àl  gh'ó est ü brassì e öna gambìna, töcc pié dè sanc e po' anche 'ü tochèl dè scossalì che 'l somèa chèl dèla òsta s-ceta”.

La mama la va a ét dèspiràda, insèma a i otre fómne. La rìa in dè la àl e la èt pròpe chel che la gh'era dicc la sò amìsa.

Ol scossalì l'è pròpe chel dè la sò fiöla!

Ta laghe dì a te che piàns e urli che l'avrà facc sta pòvra mama, ma ormai l'era trop tarde.

Chesto 'l ga càpita a chi che öl mai öbédì a la sò mama!

  La ragazzina della Costa dei Lupi

Alla Costa dei Lupi viveva una bambina di sei o sette anni che era disubbidiente. La mamma le aveva provate tutte, ma era come fare un buco nell’acqua, non c'era mezzo di farla ubbidire almeno una volta. Faceva sempre di testa sua, e più la si comandava e più disobbediva.

Una sera la mamma, che non ne poteva più di gridare invano, la prese e la cacciò fuori di casa.

La bambina rimase un po' fuori casa a chiamare, poi, vedendo che nessuno le rispondeva  non aprivano, se n’andò a dormire sul fienile della sua stalla.

Di notte arrivò il lupo e la divorò.

La mattina seguente la mamma uscì a chiamarla, ma non trovò nessuno. Girò per tutta la contrada, andò nella stalla, ma la bambina non c'era. Più tardi una donna che era stata nella valle a prendere l'acqua, arrivò di corsa e disse a questa mamma: "Vorrei sbagliarmi, ma guarda che la tua bambina è stata mangiata dal lupo, perché nella valle ci sono ancora un braccino ed una gambina, tutti sporchi di sangue ed anche un brandello di grembiulino che mi sembra della tua bambina".

La mamma va ha vedere disperata, con altre donne. Arriva nella valle e vede proprio quello che gli ha riferito la sua amica.

Il grembiulino è proprio quello di sua figlia.

Si può solo immaginare il pianto e la disperazione di questa povera mamma, ma ormai era troppo tardi.

Questo capita a chi non vuole mai ubbidire alla mamma!

 

 

Dalmine,settembre 2014

fac/