Dialetto Bergamasco

Cartèi Bèrghem - Cartelli in dialetto

Bèrghem   Mé rèste ü bergamàsch
Riferimento: Cartelli Bèrghem - Per la serie chi si fa male con le proprie mani
________________________________________
Questa fu la lettera aperta pubblicata sul Giornale di Bergamo nel luglio 2004 un mese prima che il neoeletto sindaco Bruni (da questo lunedì però non più sindaco perchè trombato alle recenti comunali bergamasche) nella notte di ferragosto, a città deserta e di nascosto, fece sparire i cartelli bilingue Bergamo - Bèrghem per rimpiazzarli con altri insulsi e anonimi cartelli all'ingresso della città con un "città dei mille" ben in vista.

Stimàt Aocàt Bruni,
Nóter a m'ghe scriv per cönt de töcc chi sitadì de Bèrghem, ch'i ghe öl bé (ndr al bergamàsch) e i völ mia che l'omologassiù, che la fà töt inguàl, la söféghe la nòsta cültüra, ol nòst patrimòne de inteligènsa e siiltà, e dét de chèl ol valùr fondamentàl de la lèngua löcàl.

A m'ghe scriv cóme òmegn e dòne de la quase Associassiù - desligada di partìcc - Lenguìstega Padanésa, e cóme òmegn e dòne ach de la sinistra. La nòsta quase associassiù la gh'à mia, e mai la gh'avrà, ligàm coi partìcc polìtegh; la ciapa 'l nòm de la paròla catada fò del istüdiùs aüstralià, professùr Geoffrey S. Hull in del 1982 - cioè tace agn prima de la egnida a la dé del "padanismo leghista"-, per batesà la sitöassiù lenguìstega istro-vèneta-galitàlega; i persune ch'i è dré a tirà 'nsèma l'associassiù i gh'à ognü la sò opiniù polìtega, diferènta öna de l'ótra, ma i gh'à töcc ün interèss fórt per la conservassiù, 'l üso slargàt a töcc del patrimòne lenguìstegh galitàlegh, vèneto, e istrià.

Ògne lèngua la pórta 'n dóte paròle e möcc de dì ch'i rapresènta ü grand valùr cültüràl per töcc, del momènt che töte chèle persune, ch'i gh'à òia e 'l piassér de dovràla, i pöl fàl amò; ma quando chèsta la föss dömentegada de la zét, la deènta ergót de "scónd in fónd al cassèt", sènsa piö valùr cültüràl-sociàl per la cümünità.

Sigürza l'è mia assé ü cartèl stradàl in lèngua löcàl per salvà öna lèngua 'n perìcol, ma l'pöl sèmper vèss ü passetì inàcc, che l'gh'à mia de èss consideràt manifestassiù de folclùr o de spartissiù tra rasse. Dóca ü cartèl in bergamàsch l'gh'à mia de significà che i bergamàsch i è "über alles", ma, al contrare, l'gh'à de èss ol prim pass in vèrs la difésa atìa de la lèngua de cà, issé cóme l' söcéd in tace paìs d'Öròpa, indóe gh'è la cossiènsa del valùr moràl de chèsto patrimòne cültüràl, tat pressiùs compàgn de chèl de ògne lèngua e cültüra ch'i gh'è al mónd.

A m'pènsa che 'l incóntro con d'öna lèngua e öna cültüra diferènte de chèla che la "comanda" (i sées chèle löcài opör i lèngue e cültüre de la zét riada ché per sircà ü mónd piö seré e öna éta méno grama) l'pöl dóma fà piö réca ògne persuna, che issé la pöl crèss e descovrì ünivèrsi de pensér e paròle, piö 'n largh de chèl de töcc i dé.

Per chèsto, co la speransa de fà crèss e mia calà 'l üso de la nòsta lèngua de cà (mia apéna 'n di cartèi) a m'ghe domanda de portà mia vià i zamò póch cartèi türìstegh-stradài 'n bergamàsch.
Co l'ocasiù m'ghe fà tace aügüri per ol sò impègn a la guida de la sità de Bèrghem, e m'la salüda con rispèt,

seguono le firme....



TRADUZIONE IN LINGUA FRANCA
Egregio Dottor Bruni,

le scriviamo a nome di tutti quei cittadini che amano e non vogliono vedere sparire nell'abisso dell'omologazione massificante la nostra cultura, il nostro patrimonio intellettuale, di cui la nostra lingua è un aspetto estremamente significativo.
Le scriviamo come uomini e donne della costituenda apolitica Associassiù Lenguìstega Padanésa, e come uomini e donne anche di sinistra. La nostra costituenda associazione, che nessun legame ha né avrà con alcun partito politico, prende il nome dal termine coniato dal glottologo australiano Prof. Geoffrey S. Hull nel 1982 - ben prima della nascita del "padanismo" leghista - per designare la realtà linguistica istro-veneta-gallitalica, ed ha aderenti di ogni idea politica accomunati dall'interesse per la conservazione e la promozione del patrimonio linguistico gallitalico, veneto e istrioto.
Ogni idioma è portatore di significati e modalità espressive che rappresentano una ricchezza intellettuale importante per tutti in quanto fruibile da tutti coloro che si intendono avvicinare all'idioma, ma, una volta perso, questo patrimonio diventa molto più difficilmente fruibile e non più "produttivo".
Certo non è sufficiente un cartello segnaletico in lingua locale a salvare una lingua in pericolo, ma può essere sempre un piccolo passo, che non deve essere ridotto a fenomeno di folklorismo o di esclusivismo etnico. Un cartello in bergamasco, ovviamente, non deve significare che i Bergamaschi siano "über alles", ma deve costituire il primo passo verso una tutela della lingua, come accade in tanti paesi d'Europa, laddove c'è la coscienza dell'importanza di questo patrimonio intellettuale, importante tanto quanto ogni altra lingua e ogni altra cultura sono importanti. Infatti ci pare evidente che l'incontro con una lingua e una cultura differenti da quella dominante, siano esse quelle locali o culture e lingue di altrove giunte qui con persone in cerca di un futuro migliore, non può che arricchire intellettualmente ogni essere umano, nella scoperta di universi concettuali ed espressivi diversi da quelli cui si è abituati.
Per questo, auspicando che la promozione del patrimonio intellettuale rappresentato dalla nostra lingua non si limiti solo a quelli, le chiediamo che almeno non sia rimossa la già scarsa segnaletica stradale in bergamasco.
Facendole i nostri migliori auguri per la sua amministrazione, le porgiamo distinti saluti.

seguono le firme.....