Dialetto Bergamasco

Scioglilingua

1) A’ chèla aca là, in chela cà là.
Guarda quella mucca la in quella casa la

2) A' chèla aca là che la à a cagà in chèla cà là.
Guarda quella mucca la che va a cagare in quella casa la.

3) L'öle l'è lé, l'ula l'è là. Ol löm gh'l'al lé lü?
L'olio è lì, l'ampolla è là. Il lume ce l'ha lì lei?

4) N'if gna' ü gna' ù? A gh'n'o gna' ü gna' a' mé.
Non avete nessun soldo neanche voi? Non ne ho nemmeno io.

5) Ù, u if? - A ó a öa. E ù? - A ó a ì.
Voi, dove andate?  Vado a raccogliere l'uva. E voi?   Io vado a bere il vino.

6) Sich sach de sòch sèch, a i è car ac a cà.
Cinque sacchi di legna secca fanno comodo anche a casa.

7) Egnì po' a' ù a èt i ae ie?
Venite anche voi a vedere se le api sono vive?

8) A o a èt i ae ie.
Vado a vedere se le api sono vive

9) Ì a èt i àe?  I è ìe i àe?
Vai a vedere le api? Sono vive le api?

10) A ò a ae, e öle i ae ie!
Vado a (caccia di) api e voglio le api vive!

11) A ì a ae ie a ù? A ò a ae ie a me!
Andate ad (caccia di) api vive anche voi? Sì, vado ad api vive anch'io!

12) Té che te tàchet i tàch, tàchem i tàch a ca mé. Mé tàcat i tàch a té? Tàchetei té i to tàch! Té che te tàchet i tàch.
Tu che attacchi i tacchi, attacca i tacchi anche a me! Io attaccare i tacchi a te? Attaccateli tu i tuoi tacchi, tu che attacchi i tacchi.

13) Sènt có, sènt crape; sènt cüi dösènt ciape.
Cento capi, cento teste; cento sederi, duecento natiche.

14) ‘N del pignetì picinì poca papa ghe.
Nel pentolino piccolo c’è poca pappa.

15) No s’pöl mia dì gat, fin che no l’è ‘n del sach.
Non si può mai dire di aver preso il gatto, fino a quando non è nel sacco.

16) Ü sach vöt a l’ pöl mia stà ‘n pé.
Un sacco vuoto non può stare in piedi.

17) Impó per ü al fa mal a nigü.
Un po’ per uno non fa male a nessuno.

18) Póch a póch, póch per vólta, l’è mèi póch che negót.
Poco a poco, poco per volta, è meglio poco che niente.

19) La bèla èrba érda; òm de spéret, i bédole ólte.
La bellla erba verda, uomo di spirito,  betulle alte

20) Se l’sie che egnie gnèch egnie gnàch
se avessi saputo che mi saei arrabbiato non sarei neanche venuto

21) Sé l’sére Sere che te séret söl Sère seràe e sére lè.
Se lo sapevo, Serena che eri sul Serio avrei chiuso e ti avrei raggiunto.

 


 Dalmine, agosto 2009   -  agg. aprile 2017      fac/