Turna Pacì Paciàna!

Turna, Pacì Paciàna! La zèt l'è sèmper chèla
e 'l'pùt l'è sèmper lè, i càmbia 'n po' i dìvise
ma 'l Brèmp no l' tùrna 'ndrè!
I vèsse è sèmper chèi e i làder i comànda,
ma chi legalizàcc o mèi de professiù,
che i spara de gran bale de stüpecc e spacù!

Intat i fà carièra a spèse de chi paga i tasse
per i dèbecc e per finì 'n galèra!
Ma piö gna 'l Padretèrno l' sè fiderès
a nàs compàgn de l'òtra òlta in chèsto nòst
paìs perchè i lo sbranerès insèm co la treìs!

L'è sèmper chèla màfia dei fürbi e dei balòs,
che co la cùa de pàia la mèt töt quànt a pòst!
Pò i dìss che l'è la lège che la decìde iscè;
ma lùr i è sèmper chèi che i fà, che i vùlta
e i pìrla la lège co la zèt!
Pò i te denüncia 'nfì per mètet a tasì !

Ma töce i scüse è bùne per tègnet incastràt!
Tùrna, Pacì Paciàna, a fà 'l castìga màcc,
tùrna 'nde Vàl Brembàna perchè m' sé disperàcc!


(C. Guariglia: La balada del Paciana

 

Torna Pacì Paciana!

Torna, Paci Paciana! La gente è sempre la stessa
il ponte è ancora la, cambiano un po’ le divise
ma il Brembo no non torna indietro!
I vizzi sono sempre gli stessi e i ladri comandano,
ma quelli legalizzati, o meglio di professione,
che raccontano gran menzogne da stupidi e spacconi.

Infatti fanno carriera a spese di chi paga le tasse
per i debiti e per finire in prigione!
Nemmeno il Gesù si fiderebbe
a rinascere come l’altra volta in questo nostro
paese perché lo divorerebbero insieme alla greppia.

E’ sempre la solita maffia dei furbi e dei dritti,
che con la coda di paglia sistemano tutto!
Poi dicono che è la legge a decidere in quel modo;
ma loro sono sempre quelli che fanno, disfano
e rivoltano la legge con la gente!
Alla fine poi ti denunciano per farti tacere!

Tutte le scuse sono buone per incastrarti!
Torna, Paci Paciana, a fare il castiga matti torna in
Val Brembana perché siamo disperati.