Piccole filastroche sulle dita della mano


I dic de la ma

Questo al dīs gh’ó fam;
Questo ché ‘l dīs: Và a robàn’;
Questo ché al dīs: Nò, chè l’è pecàt;
Questo ché ‘l dīs: Varda là ‘n quel cassetì
che gh’ nè dēt ü tochelì:
E questo ‘l dīs: Dàmel a mé, chè
so ‘l piò picenì.

 
 
Le dita della mano
Questo dice ho fame
Questo dice: Va a rubare
Questo dice: No che è peccato
Questo dice: Guarda in quel cassettino
che ce n’è un pezzettino
E questo dice: Dallo a me che
sono il più piccino.
   
Questo l’è borlāt in del pós;
Questo ‘l l’à tiràt fö;
Questo ‘l l’à sügàt zó.
Questo ‘l gh’à facc la panàda
E questo ‘l l’à mangiàda.
 

Questo è caduto nel pozzo
Questo l’ha tirato fuori
Questo
l’ha asciugato
Questo ha preparato il pancotto
E questo
l’ha mangiato.

   
Ol prim l’è borlàt in del fòss;
ol segónd l’à tiràt fò
ol ters a l’à fàcc süga
ol quart l’à fàcc la panàda
e ‘l quìnt l’à mangiàda!
  il primo è caduto nel fosso
il secondo lo ha tirato fuori
il terzo lo ha fatto asciugare
il quarto ha fatto la panada
e il quinto l’ha mangiata

   
Marmelì,
spusalì,
mata óngia,
frega öcc,
schìssa piòcc.
 
  Mignolino
Sposalino
Unghia matta
Frega occhi
Schiaccia pidocchi

     

Dalmine, luglio 2009   -   fac/